Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in ribasso stamane per la Borsa svizzera, sulla scia delle chiusure in negativo dei mercati finanziari asiatici, in particolare del tonfo di Shanghai, e delle nuove incertezze sulle quotazioni del petrolio.

Attorno alle 9.15, l'indice dei titoli guida SMI segnava una contrazione dello 0,23%, a 8286,49 punti. Il listino allargato SPI perdeva lo 0,03% a quota 8565,89.

Inizio di seduta negativo anche per le principali borse europee: a Milano l'indice Ftse Mib cedeva lo 0,55% a 19'681 punti, a Parigi l'indice Cac 40 lasciava sul terreno lo 0,17% a 4305,44 punti, a Francoforte il Dax segnava un calo dello 0,16% a 9778,36 punti, a Londra il Ftse 100 cedeva lo 0,16% a 5909,44 punti.

Tokyo ha chiuso la seduta in flessione dello 0,54%. L'indice Nikkei è sceso a 17'147,11 punti. Chiusura in territorio positivo ieri per la borsa di New York. L'indice Dow Jones è salito dell'1,41% a 16'378,64 punti, il Nasdaq è avanzato dell'1,97% a 4615,00 punti, mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dell'1,7% a 1922 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS