La Borsa svizzera oggi ha avviato le contrattazioni rimanendo attorno alla soglia di parità. L'indice SMI dei venti maggiori titoli alle 9.20 segnava 8525,40 punti, invariato rispetto a ieri. L'indice allargato SPI era anch'esso praticamente stabile a quota 8442,80 punti (-0,01%).

Apertura debole anche per le maggiori borse europee: Londra nei primi scambi segnava un calo dello 0,12%, con l'indice FTSE-100 a 6771,01 punti; a Francoforte l'indice Dax segnava -0,05% a 9329 punti; alla Borsa di Parigi l'indice Cac 40 cedeva lo 0,1% a 4250 punti; a Milano avvio di seduta leggermente positivo con l'indice Ftse Mib che segnava un rialzo dello 0,12%, a 20'817 punti.

In Asia, la Borsa di Tokyo ha chiuso poco variata, con l'indice guida Nikkei a 15.454,45 punti (+0,03%), così come Seul (+0,08%), Sydney (+0,19%), Hong Kong (+0,07%) e Shanghai (-0,15%).

Le borse orientali sono rimaste caute in attesa dei verbali del Comitato Federale della Fed di fine luglio, previsti in serata, con i futures sull'Europa e su Wall Street in ribasso. Ha aiutato i listini asiatici il balzo dell'export giapponese a luglio (+3,9%) che ha interrotto 2 mesi di cali in un'economia che potrebbe crescere a fine anno dello 0,4% dopo la frenata dell'ultimo trimestre.

La borsa americana di Wall Street ieri ha chiuso in territorio positivo, con il Dow Jones in avanzamento dello 0,48%, a 16'919,59 punti, il Nasdaq dello 0,43%, a 4527,51 punti, e lo S&P 500 dello 0,50%, a 1981,61 punti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.