Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata improntata all'incertezza quella vissuta oggi dalla Borsa svizzera, dopo che ieri la Fed ha mantenuto invariata la sua politica di stimoli monetari. Gli indici hanno continuato ad oscillare sopra e sotto la linea di demarcazione. Al termine delle contrattazioni l'indice guida SMI ha chiuso in rialzo anche se solo dello 0,07% a 8'234,29 punti e quello allargato SPI dello 0,13% a 7'829,04 punti.

Negli Stati Uniti le richieste di sussidi alla disoccupazione la scorsa settimana sono calate di 10.000 unità a quota 340.000. Gli analisti puntavano su un calo a 338.000 unità.

Oggi a brillare è stata Geberit (+7,36% a 271,30 franchi): il gruppo sangallese attivo nelle tecniche sanitarie ha realizzato nei primi nove mesi del 2013 un giro d'affari di 1,77 miliardi, pari a un incremento del 4,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Tutti i bancari hanno chiuso in rialzo: UBS+0,63% a 17,56 franchi, Credit Suisse +0,21% a 28,23 franchi e Julius Bär +0,45% a 44,59 franchi. Contrastati i titoli più legati alla congiuntura: ABB -0,17% a 23,17 franchi, Adecco +2,76% a 66,95 franchi e Holcim -0,44% a 67,60 franchi. Per quanto riguarda i pesi massimi difensivi Nestlé ha chiuso invariata a 65,50 franchi, Novartis ha ceduto lo 0,70% a 70,45 franchi e Roche ha guadagnato lo 0,28% a 251,20 franchi.

Sul mercato allargato c'è da segnalare Straumann (+4,57% a 180,60 franchi ). Oggi il gruppo ha reso noto di aver registrato un giro d'affari in calo dell'1,6% nei primi nove mesi dell'anno a 510 milioni di franchi. Solo nel terzo trimestre, le vendite dello specialista basilese di impianti dentari hanno segnato una contrazione dell'1% a 155,2 milioni. Da rilevare poi il calo di Arbonia Forster (-5,11% a 31,55 franchi) dopo un abbassamento ieri delle previsioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS