Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le speranza di una distensione nella crisi ucraina, ma anche i buoni dati congiunturali giunti dagli Usa e l'arrivo domani dei verbali della Fed di fine luglio hanno influito positivamente oggi sulla Borsa Svizzera. Al termine delle contrattazioni l'indice guida SMI segna un rialzo dello 0,85% a 8'525,38 punti e quello allargato SPI una progressione dello 0,88% a 8'444,05 punti.

Le costruzioni di case negli Stati Uniti sono salite a luglio del 15,7% (dato superiore alle attese) e i permessi sono aumentati dell'8,1%. I prezzi al consumo, sempre negli Usa, sono cresciuti il mese scorso dello 0,1%, il tasso più basso degli ultimi cinque mesi. In Gran Bretagna l'inflazione è scesa all'1,6% a luglio da 1,9% di giugno (era previsto un calo all'1,8%).

Oggi a spingere al rialzo il listino principale hanno contribuito in particolar modo i pesi massimi difensivi, con Novartis in testa (+1,32% a 80,30 franchi), seguita da Roche (+0,84% a 265,40 franchi) e Nestlé (+0,36% a 69,95 franchi).

L'unica blue chip a chiudere in negativo è stata Holcim (-0,07% a 71,65 franchi). Per quanto riguarda gli altri titoli più legati alla congiuntura, ABB ha registrato un +1,08% a 20,63 franchi, Adecco un +1,20% a 67,50 franchi e Geberit un +0,99% a 306,90 franchi.

Giornata positiva anche per i bancari: UBS segna +0,62% a 16,12 franchi, Credit Suisse +0,95% a 25,54 franchi e Julius Bär +0,75% a 40,26 franchi. In chiaro rialzo anche gli assicurativi Swiss Re (+1,23% a 74,15 franchi) e Zurich Insurance (+0,48% a 272,70 franchi), come pure i titoli del lusso Richemont (+1,32% a 88,10 franchi) e Swatch (+1,20 a 497 franchi).

Varie imprese hanno annunciato i risultati semestrali. La Borsa ha premiato in particolare Forbo (+7,76% a 951,50 franchi) che ha registrato un aumento dell'utile netto del 12,1%. Bene anche Huber+Suhner (+2,2% a 46,50 franchi) che ha ottenuto una crescita dell'utile netto del 23%. L'utile di Feintool (+1,92% a 92,75 franchi) ha fatto un balzo del 234,3% su base annua. Komax (+1,13% a 143,60 franchi) ha registrato un chiaro aumento del fatturato. Charles Vögele ha nettamente ridotto il deficit e il titolo ha chiuso invariato a 15,40 franchi. Lindt&Sprüngli (+2,38% a 59'000 franchi) ha continuato a guadagnare quote di mercato. Swisslog, infine, ha registrato una progressione dell'utile netto del 9,5%. Il0' titolo ha però ceduto l'1,75% a 1,12 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS