Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una prima parte di giornata fiacca, i listini alla borsa svizzera hanno ripreso quota nel pomeriggio dopo l'inatteso rialzo dell'indice Ism non manifatturiero che misura la fiducia dei manager americani. Al termine delle contrattazioni, l'indice SMI delle blue chip si è fermato a quota 7058,92 punti, in crescita dello 0,55%. L'indice completo SPI ha guadagnato lo 0,58% a 6507,68 punti.

La diffusione dei risultati sulla disoccupazione negli Usa - non esaltanti - per dicembre non hanno avuto effetto sulle contrattazioni.

Osservata speciale oggi Transocean - già in forte progressione ieri - salita del 5,94% a 47,27 franchi. La società proprietaria della piattaforma Deepwater Horizon al centro dell'incidente che nel 2010 ha causato undici morti nel Golfo del Messico e un'importante marea nera, ha raggiunto ieri sera un accordo col Dipartimento di Giustizia statunitense che prevede il pagamento di un risarcimento di 1,4 miliardi di dollari. Transocean ha infranto il Clean Water Act per non aver monitorato adeguatamente il pozzo petrolifero.

Tra gli altri titoli dell'SMI, dopo la scorpacciata di ieri UBS ha ceduto lo 0,88% a 14,72 franchi. In controtendenza Credit Suisse, che ha guadagnato lo 0,90% a 23,67 franchi e Julius Baer, avanzato del 2,64% a 33,85 franchi. Tra gli assicurativi, Zurich Insurance è progredito dello 0,20% a 248,90 franchi e Swiss Re dello 0,52% a 68,05 franchi.

Hanno sostenuto i listini soprattutto i pesi massimi: Nestlé è cresciuto dello 0,58% a 61 franchi, Novartis dell'1,19% a 59,40 franchi e Roche dello 0,37% a 190,20 franchi. Circa i titoli farmaceutici, l'agenzia di stampa Reuters ha citato un rapporto secondo il quale, dopo anni di flessione dei ricavi, il settore starebbe per uscire dal tunnel grazie a nuovi prodotti promettenti in fase di sviluppo.

Sul mercato allargato, il titolo Straumann è avanzato del 3,24% a 117,80 franchi. Di oggi la notizia che Marco Gadola sarà il nuovo CEO dell'azienda. Lo svizzero 49enne è stato nominato dal Consiglio di amministrazione del fabbricante basilese di impianti dentari quale successore di Beat Spalinger e assumerà la funzione al più tardi all'inizio di aprile.

Forte balzo, per il secondo giorno consecutivo, di Meyer Burger (+22,21% a 9,08 franchi), dopo la notizia che il miliardario Warren Buffet si è lanciato nel solare con la sua società di partecipazioni investendo 2,5 miliardi di dollari in un progetto negli Usa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS