Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso in territorio negativo, malgrado l'evoluzione in parte favorevole a Wall Street. Il listino principale SMI ha terminato a 7'939.42 punti, in calo dello 0,27%. L'indice allargato SPI è uscito dalle contrattazioni a quota 7'524.13 (-0,24%).

Sui mercati continua a prevalere la cautela in attesa di indicazioni della Fed, la banca centrale americana, sulla base del verbale del Comitato di politica monetaria che verrà pubblicato mercoledì. I dati congiunturali statunitensi della settimana scorsa non hanno contribuito a fare chiarezza. Si sono aggiunti i timori circa l'evoluzione della situazione politica in Italia. Intanto gli investitori mettono al sicuro i guadagni.

La discesa dei listini è stata frenata dalla performance di Roche, in progressione dello 0,89% (a 238,30 franchi). Il titolo ha beneficiato delle raccomandazioni della banca americana Citigroup nonché di un articolo della rivista per investitori "Barron's", hanno indicato i broker. Le azioni di Novartis hanno invertito tendenza sul finale, chiudendo con un rialzo dello 0,07% (a 67,70 franchi), quelle di Nestlé - il terzo peso massimo difensivo - hanno invece terminato la giornata in discesa dello 0,40% (a 61,85 franchi).

In arretramento i valori guida bancari, con UBS in ribasso del 2,18% (a 18,83 franchi), Credit Suisse del 2,10% (a 28,38 franchi) e Julius Bär dell'1,12% (a 43,14 franchi). Quanto agli assicurativi, Zurich ha perso lo 0,45% (a 241,90 franchi), Swiss Re lo 0,21% (a 72,00 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS