Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

All'indomani delle elezioni in Germania, la Borsa svizzera ha terminato in flessione. L'indice SMI dei valori guida ha chiuso a 8'057.04 punti, in calo dello 0,60%. L'indice completo SPI è uscito dalle contrattazioni a quota 7'643.30 (-0,57%).

Quella di stamane è stata una seduta fiacca per le principali borse di Asia e Pacifico, incuranti del voto tedesco e attente più alla ripresa della produzione manifatturiera cinese, il cui indice ha raggiunto per settembre il livello più elevato degli ultimi 6 mesi.

Il successo di Angela Merkel nel fine settimana era atteso. "La vittoria è sicuramente positiva, poiché significa stabilità, ha rilevato un operatore. Ora tuttavia occorre attendere le trattative in vista di una coalizione". A Francoforte l'indice Dax ha chiuso in calo dello 0,47%.

Stando ai broker, ora l'attenzione è ritornata sugli USA, dove i temi dominanti sono l'abbandono della politica monetaria ultra-espansiva e la minaccia di insolvenza del paese. A Wall Street gli indici nel pomeriggio erano in negativo.

Fra i titoli guida a Zurigo Swiss Re è salito dello 0,94% (a 75,35 franchi). Il riassicuratore ha indicato stamane che gli oneri che deve sostenere per le grandinate di luglio in Germania ammontano a 240 milioni di dollari. Secondo gli operatori, la cifra è in linea con le previsioni. Zurich Insurance ha registrato un ribasso dello 0,38% (a 235,00 franchi).

Fra i bancari, UBS ha perso l'1,51% (a 18,96 franchi), Credit Suisse l'1,14% (a 27,85 franchi) e Julius Bär lo 0,39% (a 43,43 franchi).

Nel segmento del lusso Richemont è in crescita dello 0,16% (a 93,55 franchi), mentre Swatch Group ha subito un calo dello 0,68% (a 586,00 franchi). Fra i titoli più sensibili alle oscillazioni della congiuntura, ABB ha perso lo 0,82% (a 21,64 franchi), Adecco il 2,10% (a 62,95 franchi), Geberit è cresciuta dello 0,21% (a 243,80 franchi) e Holcim è in discesa dello 0,58% (a 68,85 franchi).

Quanto ai titoli difensivi di peso, Nestlé ha ceduto lo 0,55% (a 63,45 franchi), Novartis lo 0,50% (a 69,65 franchi) e Roche lo 0,83% (a 240,00 franchi).

Tra le blue chip hanno terminato in positivo anche Swisscom (+0,51% a 434,40 franchi) e Syngenta (+0,32% a 374,60 franchi). La perdita più marcata è invece stata registrata da Actelion (-2,22% a 63.75 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS