Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiusura in profondo rosso per la Borsa svizzera, con l'indice SMI che ha lasciato sul terreno il 3,36% a 8'798.57 punti. Male anche il listino allargato SPI, che ha ceduto il 3,15% a 8'953.40 punti.

Questa settimana l'indice principale ha perso il 7% circa: si tratta del maggiore calo settimanale dallo shock dell'abbandono della soglia di cambio minima tra euro e franco. L'SMI ha toccato oggi il livello più basso da inizio luglio.

Gli investitori sono già da giorni preoccupati per l'evoluzione congiunturale in Cina. Da Pechino è giunto stamane un dato poco rassicurante sull'andamento dell'industria, con l'indice Pmi manifatturiero di agosto sceso a 47,1 punti, ai minimi da più di sei anni e sotto le aspettative degli analisti che prospettavano 48,2 punti.

Tutte le blue chip hanno terminato la seduta in forte calo. Peggio di tutti ha fatto Julius Bär (-5,33% a 48 franchi); UBS ha perso il 3,74% a 20.05 franchi e Credit Suisse il 3,42% a 25.98 franchi. Tra i ciclici LafargeHolcim ha ceduto il 4,27% a 60.50 franchi, Geberit il 2,52% a 305.10 franchi, Adecco il 2,46% a 75.30 franchi e ABB il 2,35% a 18.32 franchi.

Molto pesanti anche i pesi massimi difensivi: con Novartis in flessione del 4,15% a 93.50 franchi, Roche del 3,44% a 260.70 franchi e Nestlé del 3,20% a 71.10 franchi. Novartis ha peraltro annunciato oggi che pagherà fino a 1,03 miliardi di dollari (993 milioni di franchi) alla britannica GlaxoSmithKline per i diritti sul medicamento Ofatumumab, usato per la cura della sclerosi multipla e altre malattie autoimmuni.

Tutti gli altri titoli hanno chiuso con una contrazione compresa tra il 3,97% (a 12.59 franchi) di Transocean e il 2,09% (a 72.60 franchi) di Richemont, che insieme all'altro titolo del lusso Swatch (-2,43% a 370 franchi) aveva a lungo resistito alla tendenza generale.

Nel listino allargato tre le aziende che hanno pubblicato oggi i risultati semestrali: Kuoni (-8,16% a 225 franchi), Goldbach (-4,70% a 18.25 franchi) e Mobilezone (-2,69% a 16.25 franchi), pure scivolata sotto la parità solo verso fine seduta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS