Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta di recupero quella odierna per la Borsa svizzera. L'indice principale SMI ha chiuso con un rialzo dell'1,73% a 8'796.17 punti, quello allargato SPI con una progressione dell'1,65% a 8'937.40 punti.

La giornata era già iniziata bene grazie alle chiusure positive della piazze di Tokyo e New York. I listini hanno poi tratto profitto dalla crescita sopra le stime della fiducia dei manager nell'Eurozona, per rafforzarsi ulteriormente nel primo pomeriggio dopo che il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha ribadito l'intenzione di attuare con pienezza il programma di acquisto di asset nell'ambito del quantitative easing. Apprezzata anche la decisione dell'Eurotower di alzare al 33% il limite della quantità di un'emissione di titoli di Stato acquistabile. L'SMI è arrivato a guadagnare fino al 2,2%, quello allargato il 2%.

Tra le blue chip le progressioni più forti sono messe a segno -oltre che dalla sempre volatile Transocean (+4,52% a 13.41 franchi) - da Syngenta (+3,46% a 338.20 franchi) - che ha deciso di cedere la sua attività nel settore delle sementi ortive - SGS (+2,37% a 1'730 franchi), Julius Bär (pure +2,37%, a 46.59 franchi), Actelion (+2,22% a 133.50 franchi), Geberit (+2,18% a 310 franchi) e Credit Suisse (+2,02% a 25.70 franchi).

Ma anche gli altri titoli sono tutti saliti fortemente, dal +1,93% di Adecco (a 76.70 franchi) al +1,14% di Nestlé (a 71.10 franchi). Gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis e Roche, sono cresciuti rispettivamente dell'1,91% a 93.40 franchi e dell'1,83% a 261.90 franchi. La filiale del primo, Sandoz, ha peraltro annunciato oggi il lancio dello Zarxio negli Stati Uniti, il primo farmaco biosimilare autorizzato e acquistabile nel paese.

Nel mercato allargato Gategroup ha ceduto l'11,45% a 29 franchi. Il gruppo zurighese attivo nei servizi a bordo degli aerei ha chiuso i primi sei mesi del 2015 con una perdita netta di 87,5 milioni di franchi, contro il deficit di 6,5 milioni dell'analogo periodo dell'anno precedente. Ha inoltre annunciato che taglierà 300 posti di lavoro, soprattutto all'estero.

Myriad, che ha presentato i conti ieri sera, ha lasciato sul terreno il 12,79% a 4.50 franchi, mentre Flughafen Zürich, che li ha pubblicati oggi, ha perso il 6,44% a 705 franchi. Tra le altre aziende che hanno comunicato le proprie cifre semestrali Santhera è salita del 2% a 94.45 franchi, BKW dell'1,82% a 36.30 franchi, IVF Hartmann dello 0,70% a 143.90 franchi e Leclanché dello 0,30% a 3.36 franchi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS