Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di settimana in lieve rialzo per la borsa svizzera. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6359,02 punti (+0,11% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,17% a 5785,24 punti.

Archiviata la settimana scorsa in chiaro recupero (circa +4%), la seduta odierna è stata all'insegna della cautela, con l'SMI che nelle prime battute ha operato anche una fugace sortita in territorio negativo, per poi tornare in zona utili, oscillando a lungo in una fascia molto ridotta.

L'attenzione era nuovamente concentrata su Roche (invariato a 130,20 franchi il buono di partecipazione, +5,24% a 148,70 franchi l'azione al portatore): il titolo venerdì era salito fortemente dopo l'uscita di Maja Oeri dal gruppo di azionisti legati da contratto dal 1948, costituito dagli eredi del fondatore Fritz Hoffmann-La Roche.

Il cosiddetto "pool" di proprietari ha perso la maggioranza dei voti: controlla ora la società solo al 45%. Questo fa pensare a scenari di fusione con Novartis (-0,59% a 50,55 franchi), che già detiene un terzo dei voti e il 6,2% di tutti i titoli in circolazione. Ma in un'intervista pubblicata ieri dalla SonntagsZeitung il vicepresidente del consiglio di amministrazione di Roche, André Hoffmann, ha sostenuto che un'unione con i "cugini" renani oggi avrebbe ancora meno senso che cinque o dieci anni or sono.

Si sono mossi bene i bancari UBS (+1,31% a 17,05 franchi) e Credit Suisse (+0,64% a 39,17 franchi), come pure gli assicurativi Swiss Re (+1,88% a 51,50 franchi) - che aveva subito in pieno l'impatto dei disastri in Giappone - e Zurich (+0,39% a 259,70 franchi), che però è ripiegata nel finale.

Hanno stentato per contro a decollare i valori più legati alla congiuntura come ABB (+0,41% a 21,81 franchi) e Holcim (-0,14% a 69,05 franchi). I vertici di Actelion (+0,29% a 52,10 franchi) hanno scritto agli azionisti, ribadendo la loro opposizione alle richieste avanzate dal fondo Elliot Partners. Nel segmento del lusso Swatch (+0,55% a 402,50 franchi) è apparsa più tonica di Richemont (-0,29% a 51,90), che ha subito gli effetti di un cambiamento di obiettivo di corso operato da Citigroup. Ha chiuso bene Nestlé (+0,29% a 52,30 franchi).

Nel mercato allargato hanno presentato i bilanci 2010 Gurit (-0,32% a 620,00 franchi) e Romande Energie (+0,69% a 1600,00 franchi). Kühne+Nagel (+0,70% a 129,90 franchi) ha annunciato oggi un versamento di 1,50 franchi per azione, oltre al normale dividendo. Balzo di Addex (+3,67% a 11,30 franchi), infine, dopo un'intervista del direttore Vincent Mutel, che si è espresso positivamente sulla cooperazione con Johnson & Johnson.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS