Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta positiva per la borsa svizzera, che dopo una partenza debole ha saputo trovare la via della crescita. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8237,54 punti, su dello 0,51% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,42% a 8958,79 punti.

Gli investitori sono oramai convinti che la Federal Reserve domani non alzerà i tassi negli Usa, anche sulla scorta dei recenti indicatori congiunturali, risultati mediocri. L'ultimo è arrivato nel pomeriggio e ha confermato la tendenza generale: le costruzioni di case nuove in agosto sono calate del 5,8%, dato peggiore delle attese degli analisti, che scommettevano su una flessione dell'1,7%.

Per quanto riguarda i singoli titoli sotto pressione, come nel resto d'Europa, sono stati ancora una volta i bancari UBS (-1,56% a 13,27 franchi), Credit Suisse (-1,25% a 12,62 franchi) e Julius Bär (-1,79% a 41,10 franchi). La prospettiva di un perdurare dei bassi tassi d'interesse non rappresenta un fattore incoraggiante per le attività delle banche. Nel corso della giornata gli assicurativi Swiss Life (+0,52% a 251,20 franchi) e Swiss Re (+0,29% a 85,15 franchi) hanno virato in positivo, mentre ha arrancato Zurich (-0,32% a 252,20 franchi), penalizzata da un giudizio di Bankhaus Lampe.

Non hanno presentato un orientamento unitario i valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (+0,46% a 21,75 franchi), Adecco (-0,37% a 53,85 franchi), Geberit (+0,40% a 423,90 franchi) e LafargeHolcim (-0,34% a 49,93 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (+3,87% a 268,30 franchi) e Richemont (+2,71% a 58,65 franchi) hanno preso atto con sollievo dei dati sull'export orologiero in agosto, meno negativi del previsto: bene accolta è stata soprattutto la notizia che l'importante mercato cinese è tornato a crescere.

Il periodo di incertezza riguardo ai futuri sviluppi di politica monetaria ha favorito i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,71% a 77,65 franchi), Novartis (+0,89% a 79,30 franchi) e Roche (+0,87% a 244,60 franchi).

Completano lo scacchiere delle blue chip Actelion (+1,79% a 170,30 franchi), Givaudan (-0,10% a 2009,00 franchi), SGS (+0,23% a 2170,00 franchi), Swisscom (-0,19% a 467,80 franchi) e Syngenta (-0,58% a 425,50 franchi).

Nel mercato allargato AFG (+3,93% a 14,55 franchi) ha piazzato 2,6 milioni di nuove azioni per finanziare l'acquisizione del gruppo Koralle. Crealogix (+1,06% a 114,00 franchi) ha informato sul primo semestre. Bell (-1,16% a 425,00 franchi) ha annunciato di aver rilevato la Geiser AG, un'azienda con 120 dipendenti e un fatturato di 45 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS