Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta interamente positiva quella odierna per la Borsa svizzera, che nel pomeriggio ha anche ampliato i guadagni rispetto alla mattinata. L'indice SMI ha chiuso in progressione dello 0,62% a 8'607.97 punti, mentre l'SPI ha guadagnato lo 0,60% a 8'506.71 punti.

Il listino è stato sostenuto dai bancari, in ripresa in tutta Europa dopo la maxi sanzione contro BNP Paribas negli Stati Uniti. "Ora è stata fatta chiarezza, le speculazioni sull'ammontare della multa sono finite", ha dichiarato un operatore. UBS è cresciuta dell'1,29% a 16.48 franchi, Credit Suisse dell'1,03% a 25.62 franchi e Julius Bär dell'1,48% a 37.10 franchi.

Hanno spinto l'SMI anche i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,02% a 69.40 franchi) e Novartis (+1,00% a 81.10 franchi), mentre Roche ha perso lo 0,11% a 264.20 franchi. Sono pure saliti di oltre un punto percentuale Swiss Re (+1,39% a 80 franchi), Swisscom (+1,36% a 522.50 franchi), Givaudan (+1,28% a 1'498 franchi) e Holcim (pure +1,28% a 78.95 franchi).

In controtendenza, oltre a Roche, solo Adecco (-0,55% a 72.60 franchi), SGS (-0,14% a 2'122 franchi), Syngenta (-0,27% a 329.40 franchi), Transocean (-0,23% a 39.77 franchi) e ABB (-0,10% a 20.40 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS