Navigation

Borsa svizzera chiude in rialzo, SMI +1,14%

L'ultima seduta della settimana si è conclusa in territorio positivo per la Borsa svizzera (foto d'archivio) KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2020 - 17:45
(Keystone-ATS)

Si è conclusa in territorio ampiamente positivo l'ultima seduta della settimana per la Borsa svizzera: l'indice principale SMI è salito dell'1,14% a 10'190,37 punti, quello allargato SPI dello 0,82% a 12'563,68 punti.

La piazza zurighese ha approfittato dei segnali positivi in arrivo dagli Stati Uniti, con l'avvio a gonfie vele di Wall Street dovuto ai dati al di sopra delle aspettative sulla disoccupazione negli Usa.

In forte rialzo i bancari, con Credit Suisse (+5,26% a 10,21 franchi) che si è rivelata più ricercata di UBS (+3,04% a 11,34 franchi). Molto ben orientato anche il settore del lusso, con Swatch (+2,23% a 206,70 franchi) e in particolare con Richemont (+6,99% a 65,22 franchi) che ha registrato la miglior performance di giornata.

Hanno invece pesato sul listino i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,16% a 102,60 franchi) e Roche (-0,18% a 332,15 franchi), mentre Novartis (+1,55% a 83,04 franchi) è rimasto ampiamente al di sopra della linea di demarcazione.

Tra gli assicurativi, Swiss Life ha segnato un balzo del 3,46% a 380,10 franchi, mentre sono state più contenute le progressioni di Swiss Re (+2,47% a 77,86 franchi) e Zurich (+2,28% a 350,50 franchi).

Contrastati i valori particolarmente sensibili ai cicli economici come Adecco (+6,12% a 51,64 franchi), Sika (-0,03% a 172,45 franchi), ABB (+2,44% a 21,02 franchi) e LafargeHolcim (+1,91% a 43,64 franchi). Maglia nera di giornata è invece Givaudan (-2,67% a 3'395,00 franchi), seguita da Swisscom (-1,38% a 501,20 franchi) e SGS (-0,85% a 2'331,00 franchi).

Invariata invece Lonza (-0,02% a 468,50 franchi), che oggi ha annunciato il nome del nuovo CEO: dal 1. novembre 2020 il numero uno del gruppo sarà Pierre-Alain Ruffieux, attualmente responsabile delle operazioni tecniche della divisione Pharma di Roche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.