Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude al rialzo una seduta che l'ha portata a sfiorare i massimi dell'anno. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9458,96 punti, in progressione dell'1,50% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato l'1,45% a 9566,73 punti.

Come le altre piazze europee il mercato si è subito orientato verso il bello, prendendo atto con favore del via libera del parlamento greco al programma di risparmio imposto dai creditori ad Atene.

La Banca centrale europea - che ha lasciato invariati i tassi - ha inoltre annunciato che aumenterà di 900 milioni di euro la liquidità per le banche elleniche. "La Bce continua a lavorare sul presupposto che la Grecia è, e continuerà ad essere, un membro dell'Eurozona", ha affermato il presidente Mario Draghi nel pomeriggio.

Da oltre Atlantico intanto sono arrivate buone notizie congiunturali e aziendali. Tutti ingredienti, questi, che hanno portato l'SMI assai vicino al massimo pluriennale raggiunto nell'aprile scorso (9474,95 punti). Ormai non è molto lontano nemmeno il record di tutti i tempi (9548,09 punti) fatto segnare nel giugno 2007. Ma secondo gli operatori i corsi potrebbero ora trovare una certa resistenza.

Sul fronte interno l'attenzione è rimasta concentrata su Swatch (+5,23% a 406,70 franchi), che ha oggi presentato risultati semestrali in calo ma meno di quanto si potesse temere. Il buon andamento del titolo ha avuto un effetto di traino anche su Richemont (+2,24% a 79,90 franchi).

Ha ripiegato dai massimi di giornata LafargeHolcim (+0,53% a 75,50 franchi) inizialmente favorita da una raccomandazione di Morgan Stanley, mentre sono rimasti tonici altri titoli particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (+1,78% a 19,96 franchi), Adecco (+1,81% a 81,70 franchi) e Geberit (+1,47% a 324,10 franchi). In controtendenza si è mossa a lungo Transocean, per poi recuperare nel finale (+0,35% a 14,25 franchi).

In ordine sparso hanno terminato i bancari UBS (+1,07% a 21,64 franchi), Credit Suisse (-0,32% a 27,83 franchi) e Julius Bär (+0,84% a 54,10 franchi). Moody's ha alzato da"negativa" a "stabile" la prospettiva per il settore finanziario elvetico. Unanimità di vedute è stata per contro palesata dagli assicurativi Swiss Re (+0,63% a 87,75 franchi) e Zurich (+0,99% a 304,80 franchi).

Hanno contribuito al buon andamento del listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,40% a 72,60 franchi), Novartis (+1,91% a 101,50 franchi) e Roche (+1,69% a 282,50 franchi). Completano il quadro delle blue chip Actelion (+2,38% a 146,20 franchi), Givaudan (+1,02% a 1683,00 franchi), SGS (+2,68% a 1802,00 franchi), Swisscom (+1,09% a 555,00 franchi) e Syngenta (+0,92% a 407,90 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Partners Group (+6,54% a 313,75 franchi), che ha presentato afflussi di denaro nel primo semestre superiori alle previsioni. Dopo un avvio difficile ha chiuso ferma sul posto Bellevue Group (invariata a 14,60 franchi), in rosso nei primi sei mesi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS