Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora una seduta negativa per la borsa svizzera, la quarta consecutiva: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8980,22 punti, in flessione dello 0,89% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,79% a 9138,06 punti.

La giornata si è presentata povera di impulsi sul fronte congiunturale e aziendale, con un'attualità economica internazionale chiaramente sotto tono. La mancata soluzione del rebus greco continua a incidere negativamente sul mercato: la prospettiva di una possibile bancarotta di Atene induce infatti gli investitori a ridurre i rischi.

Nel contempo proseguono le tensioni sui mercati valutari, mentre il calo dei corsi delle obbligazioni ha spinto al rialzo i rendimenti, cosa che rende progressivamente meno attraenti le azioni. L'indice SMI è così tornato sotto i 9000 punti: non succedeva da metà maggio.

Per quanto riguarda i singoli titoli hanno trascinato in ribasso il listino soprattutto i farmaceutici Novartis (-1,16% a 93,60 franchi) e Roche (-1,22% a 266,70 franchi), mentre ha limitato le perdite il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (-0,72% a 69,30 franchi). In rosso hanno terminato anche i bancari UBS (-0,55% a 20,06 franchi), Credit Suisse (-2,23% a 25,48 franchi) e Julius Bär (-0,49% a 50,55 franchi). Nel comparto assicurativo ha marciato sul posto Swiss Re (invariata a 85,00 franchi) ed è arretrata Zurich (-0,93% a 289,10 franchi).

In ordine sparso si sono mossi i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (-0,19% a 21,17 franchi), Adecco (+1,42% a 75,00 franchi), Geberit (-0,51% a 333,50 franchi) e Holcim (-1,19% a 70,50 franchi). Fra i titoli in positivo va menzionata Swatch (+1,02% a 367,70 franchi), che nel segmento del lusso è apparsa oggi ben più tonica di Richemont (-1,66% a 76,80 franchi): va comunque rilevata la debole performance dall'inizio dell'anno.

Actelion (invariata a 139,60 franchi), interessata da voci su possibili fusioni, non è riuscita a proseguire la sua avanzata di ieri. Per completare il quadro delle blue chip vanno infine menzionate Givaudan (-0,53% a 1674,00 franchi), SGS (+0,61% a 1826,00 franchi), Swisscom (-0,76% a 525,50 franchi), Syngenta (-1,01% a 402,00 franchi) e Transocean (+0,39% a 17,99 franchi).

Nel mercato allargato sono stati male accolti i risultati annuali di Burckhardt Compression (-9,30% a 399,75 franchi). Cosmo Pharmaceuticals (+0,96% a 157,20 franchi) ha annunciato lo sbarco in borsa della filiale Cassiopea. Implenia, che ha ottenuto un importante commessa in Austria, sale dell'1,06% a 57,00 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS