Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora una seduta al ribasso per la borsa svizzera, la terza consecutiva: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 9188,25 punti, in flessione dell'1,12% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso l'1,08% a 9193,87 punti.

Al mercato mancano gli impulsi. La settimana scorsa i corsi avevano recuperato le perdite seguite all'abbandono del cambio minimo sfiorando i massimi di sempre del 2007. Ma ora gli investitori sono più prudenti. Gli specialisti si aspettano perciò che la fase di consolidamento prosegua.

Per quanto riguarda i singoli titoli incerto è a lungo rimasto il comparto bancario, con UBS (-0,43% a 18,32 franchi) che ha infine ripiegato verso posizioni vicine a Credit Suisse (-0,73% a 25,71 franchi), lasciando la sola Julius Bär (+0,14% a 49,87 franchi) in territorio positivo. Nel comparto assicurativo Swiss Re (-0,21% a 94,80 franchi) si è mosso in linea con Zurich (-0,24% a 332,10 franchi)

Fra i valori più sensibili alla congiuntura, sotto pressione sono rimasti per tutta la seduta Adecco (-2,25% a 80,40 franchi) - particolarmente salita dopo il crash del 15 gennaio - e Holcim (-1,70% a franchi). ABB (-0,67% a 20,68 franchi) e Geberit (-0,55% a 364,50 franchi) hanno in parte limitato le perdite. Nel segmento del lusso gli ultimi dati macro provenienti dalla Cina non hanno aiutato Swatch (-1,92% a 418,90 franchi) e Richemont (-1,58% a 80,95 franchi).

Sono chiaramente arretrati rispetto ai massimi di seduta i farmaceutici Novartis (-1,58% a 96,75 franchi) e Roche (-0,99% a 268,80 franchi), che si sono accodati al terzo peso massimo difensivo, Nestlé (-1,53% a 74,00 franchi), fin da subito negativo. Nel settore alimentare nasce un nuovo colosso: Kraft ha infatti annunciato il matrimonio con Heinz, la nuova entità sarà la quinta la mondo.

Completano il quadro delle blue chip Actelion (-1,88% a 114,70 franchi), Givaudan (-1,56% a 1771,00 franchi), SGS (-0,10% a 1903,00 franchi), Swisscom (-0,09% a 576,00 franchi), Syngenta (+0,27% a 329,00 franchi) e Transocean (+2,02% a 14,66 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Cytos (+14,07% a 1,54 franchi): la società, da tempo in difficoltà, approfitta di un pagamento di 4 milioni da parte di Novartis. Vontobel (-1,99% a 41,80 franchi) ha annunciato l'acquisto di una quota del 60% del gestore patrimoniale britannico TwentyFour Asset Management (24AM).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS