Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude anche la sua seconda seduta settimanale in ribasso. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 7941,67 punti, in flessione dell'1,43% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha perso l'1,50% a 8574,56 punti.

Il mercato si è mosso in sintonia con le altre piazze continentali, tornate ad interrogarsi sulle conseguenze della Brexit e sulla solidità delle banche italiane. Il movimento è stato favorito anche dal calo del prezzo del petrolio.

Scarsa attenzione hanno raccolto alcuni dati macroeconomici pubblicati nell'Eurozona e negli Usa. Wall Street, ieri chiusa, si è orientata in negativo dopo il lungo fine settimana.

A bocce ferme tutte le blue chip si sono ritrovate in rosso, con l'unica eccezione di Givaudan (+0,15% a 1983,00 franchi). Particolarmente sotto pressione è apparsa Adecco (-3,97% a 46,67 franchi), dopo un cambiamento di raccomandazione da parte di Morgan Stanley. Poco ispirati si sono rivelati pure altri valori sensibili alla congiuntura quali ABB (-1,61% a 18,90 franchi), Geberit (-2,00% a 357,80 franchi) e LafargeHolcim (-2,32% a 39,65 franchi): quest'ultima società avrebbe ricevuto offerte inferiori al previsto per la cessione di attività in India. Le vendite non hanno risparmiato, nel segmento del lusso, Swatch (-2,95% a 276,10 franchi) e Richemont (-2,28% a 55,70 franchi).

La seduta è stata per l'ennesima volta da dimenticare per i bancari Credit Suisse (-2,51% a 10,09 franchi), UBS (-3,88% a 12,13 franchi) - interessata da una richiesta di informazioni fiscali dalla Francia - e Julius Bär (-3,32% a 37,03 franchi). Come spesso accade la stessa tendenza è stata ricalcata dagli assicurativi Zurich (-2,69% a 231,60 franchi), Swiss Life (-3,20% a 217,70 franchi) e Swiss Re (-2,42% a 82,60 franchi). Non sono sfuggiti alla corrente generale i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,66% a 75,60 franchi), Novartis (-1,18% a 79,70 franchi) e Roche (-1,29% a 252,50 franchi).

Lo scacchiere SMI va poi completato con Actelion (-0,12% a 164,90 franchi), SGS (-0,94% a 2204,00 franchi), Syngenta (-1,31% a 368,40 franchi) e Swisscom (-0,92% a 474,30 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Von Roll (+17,24% a 0,68 franchi) dopo la notizia di un taglio di 160 impieghi. Arretra per contro ancora EFG International (-5,88% a 3,36 franchi), che oggi ha comunicato i nomi della futura dirigenza dopo la fusione con BSI.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS