Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata contrastata per la borsa svizzera, che dopo una partenza timida - dovuta alle incertezze che regnano attorno ai prossimi appuntamenti della Banca centrale americana - ha progressivamente recuperato terreno per poi nuovamente scivolare sotto la parità in finale di seduta. L'indice SMI dei titoli si è attestato a 7'956.32 punti, in flessione dello 0,19%, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dello 0,21 % a 7'588.28 punti.

Seppur piuttosto tonici in avvio i giganti difensivi Nestlé (-0,15% a 64.75 franchi), Novartis (-0,14% a 69.05 franchi) e Roche (solo in leggerissimo progresso dello 0,08% a 239.20 franchi) non hanno impedito che il listino precipitasse sotto quota 8 mila, per il secondo giorno consecutivo.

La seduta odierna non ha registrato spunti di rilievo e gli impulsi sono venuti piuttosto dagli Stati Uniti, con l'intesa tra Camera e Senato sul bilancio, che a Wall Street (-0,46% dopo i primi scambi) non sembra comunque aver suscitato grande entusiasmo.

L'accordo, provvisorio, potrebbe indurre la Banca centrale americana a ridurre il suo programma miliardario di sostegno dell'economia. Un'eventuale stretta potrebbe intervenire in occasione della riunione del Comitato di politica monetaria della FED, in agenda il 17 e il 18 dicembre.

Quanto al programma per la risoluzione dei conflitti fiscali con gli USA oggi è stata resa nota l'adesione di altri quattro istituti, tra cui la Banca Coop e la Banca Migros.

A Zurigo sono risultati in territorio positivo UBS, che è salita dello 0,30% (a 16.61 franchi) e Julius Bär, avanzata dello 0,17% (42.21 franchi), mentre Credit Suisse ha ceduto lo 0,46% a (26.25 franchi).

Debole Zurich Insurance (-0,85% a 245.10 franchi) e poco mossa Swiss Re (-0,06% a 77.55) franchi. Nel segmento del lusso Swatch è progredita dello 0,17% (a 579.00 franchi). Tendenza opposta per Richemont (-0,40% a 87.00 franchi). Di segno negativo i titoli ciclici, con Adecco che ha perso lo 0,76% (a 65.70 franchi), Holcim lo 0,39% (a 64.10) e ABB lo 0,58% (a 22.17 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS