Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso l'ultima seduta della settimana in territorio negativo con l'indice SMI dei titoli guida in flessione dello 0,22% a 8'156,26 punti, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dello 0,26% a quota 8'823,03.

Le piazze europee per tutta la giornata sono rimaste in apnea, dopo l'attentato terroristico di Nizza e malgrado l'apertura positiva di Wall Street. Non hanno praticamente prodotto effetti né i segnali migliori del previsto sull'espansione in Cina, né i numerosi i dati americani su inflazione (+0,2%, inferiore alle attese), vendite al dettaglio (+0,6%, meglio delle previsioni), fiducia dei consumatori (calata in seguito alla Brexit) e produzione industriale (+0,6%, sopra le attese).

Sulla piazza zurighese è subito risultato sotto pressione il segmento del lusso, con Swatch che ha ceduto il 7,77% (a 267.00 franchi), dopo che il gruppo orologiero ha lanciato un avvertimento sugli utili semestrali. Swatch prevede un calo del 50-60% dell'utile netto e dell'utile operativo sulla base di un fatturato in discesa del 12%.

Il volume d'affari è regredito in particolare sull'importante mercato di Hong Kong, ma cifre in calo sono state registrate anche in paesi europei come la Francia e la Svizzera. Alla tendenza negativa non è sfuggita la concorrente Richemont, scesa del 3,08% (a 58.15 franchi).

Deboli i bancari, con UBS (-0,15% a 12.94 franchi) e Julius Bär (-0,52% a 40.02 franchi) sotto la linea della parità, mentre Credit Suisse non ha registrato variazioni ed è rimasta ferma a 11.08 franchi. Tendenza prevalentemente al ribasso anche per i titoli più esposti ai cicli congiunturali: sono però rimasti a galla ABB (+0,25% a 19.66 franchi) e Geberit (+0,22% a 371.40 franchi). Tra i pesi massimi difensivi Roche ha allungato il passo (+0,59% a 255.60 franchi), mentre sono scivolate all'indietro Nestlé (-0,26% a 77.85 franchi) e Novartis (-0,12% a 80.35 franchi).

Sul mercato allargato Ems-Chemie è salita dell'1,16% (a 524.00 franchi): oggi il gruppo industriale controllato dalla famiglia Blocher ha annunciato risultati semestrali in crescita. La società basilese Santhera ha recuperato solo l'1,99% (a 53.70 franchi) dopo che ieri aveva perso un terzo del suo valore in seguito a una decisione negativa dell'agenzia statunitense per il controllo dei medicinali circa l'omologazione accelerata di un suo farmaco. Straumann, dopo una raccomandazione al ribasso di JPMorgan, ha perso il 3,50% (a 371,75 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS