Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso l'ultima seduta della settimana in territorio negativo, con l'indice SMI dei principali in flessione dello 0,23% a 9'074,03 punti, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dello 0,17% a quota 10'677,08.

Sui listini hanno pesato realizzi di guadagno, dopo gli aumenti registrati nelle due ultime settimane, in quello che è stato definito un processo di consolidamento.

Sulla piazza zurighese sotto le luci dei riflettori è finito il produttore di beni di lusso Richemont, che ha annunciato sul primo semestre aziendale utili netti in forte aumento, dovuto però a una rivalutazione della piattaforma internet Yoox-net-a-Porter: al netto di tale fattore i profitti sono stati giudicati modesti e il titolo in borsa è sprofondato (-6,37% a 69.10 franchi), trascinando con sé la concorrente Swatch (-5,06% a 322.40 franchi).

In forte ripiegamento UBS, che ha ceduto il 2,65% (a 14.12 franchi), ma deboli sono risultati anche gli altri bancari Credit Suisse (-0,88% a 12.98 franchi) e Julius Bär (-1,92% a 45.48 franchi). Positivi invece i pesi massimi difensivi : il colosso dell'alimentare Nestlé è avanzato dello 0,54% (a 85.40 franchi) e in progressione sono risultati pure i farmaceutici Roche (+0,86% a 251.35 franchi) e Novartis (+0,43% a 89.72 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS