Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta in territorio negativo per la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che ha terminato le contrattazioni in flessione dello 0,80% a 8'548.08 punti, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dello 0,72% a quota 8'464.92.

Sul mercato hanno pesato la minaccia di più severe sanzioni contro la Russia e anche, in finale di seduta, la notizia dell'abbattimento di un Boeing 777 della Malaysia Airlines nei cieli dell'Ucraina. A Zurigo l'attenzione degli investitori si è concentrata sul gigante farmaceutico Novartis, che stamane ha annunciato un utile semestrale di 5,6 miliardi di dollari (5 miliardi di franchi), in crescita del 13,5% rispetto alla prima metà del 2013, su un fatturato salito del 2% a 28,7 miliardi.

Gli analisti hanno accolto i dati con una certa delusione, in particolare per quanto riguarda le divisioni Vaccini e Consumer Health. Anche il farmaco Alcon (oftalmologia) ha fatto meno bene del previsto, mentre la divisione Pharma ha soddisfatto le attese. Il titolo in borsa ha ceduto l'1,73% (a 79.75 franchi), trascinando con sé la concorrente Roche (-0,90% a 264.00 franchi): un suo medicinale contro l'Alzheimer non ha dato in fase di test clinici i risultati sperati.

Hanno reso noto i risultati della prima metà dell'anno anche il leader mondiale nel campo delle certificazioni SGS (255 milioni; -3,8%), che fatto un tonfo del 2,86% (a 2'074.00 franchi), e Givaudan (305 milioni; +12,6%) che invece ha guadagnato lo 0,93% (a 1'514.00 franchi). Il gigante dell'alimentare Nestlé ha messo a segno una progressione dello 0,14% (a 69.15 franchi).

Deboli i valori bancari: UBS ha perso l'1,01% (a 16.58 franchi), Credit Suisse l'1,22%% (a 25.98 franchi) e Julius Bär lo 0,85 % (a 36.32 franchi). Contrastati gli assicurativi, con Zurich Insurance che è arretrata dello 0,55% (a 273.50 franchi) e Swiss Re che è avanzata leggermente dello 0,06% (a 78.25 franchi).

Tutti i titoli più esposti alle variazioni congiunturali sono risultati in perdita di velocità, ad eccezione di ABB (+0,10% a 20.57 franchi). Di segno negativo, nel segmento del lusso, anche Swatch (-1,71% a 516.00 franchi), dopo indiscrezioni secondo cui il gruppo avrebbe guadagnato nel primo semestre di quest'anno meno del corrispondente periodo del 2013. Il leader dell'orologio presenterà i propri risultati la settimana prossima.

Sul mercato allargato ha presentato i semestrali Georg Fischer (utili in aumento dell'11%): il titolo ha chiuso in progressione dello 0,9%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS