Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso le contrattazioni odierne in territorio negativo con l'indice SMI dei principali titoli in flessione dello 0,96% a quota 9'259.81, mentre l'indice complessivo SPI ha fatto un passo all'indietro dello 0,91% a 9'359.50 punti.

Gli investitori, secondo gli analisti, sono stati molto prudenti e viste le permanenti incertezze, anche riguardo alla situazione greca, hanno cercato di incassare i guadagni fin qui accumulati. Dall'Asia sono giunti segnali contrastanti e vi è attesa per la riunione della Federal Reserve che nei prossimi due giorni discuterà di tassi: le previsioni sono per un rialzo. La seduta si è poi ulteriormente appesantita dopo il dato sulla fiducia dei consumatori Usa, sceso ad aprile contrariamente alle attese.

Buona parte delle blue chip si sono orientate al ribasso, ma non Adecco (+0,44% a 80.15 franchi) che ha beneficiato di una raccomandazione favorevole di Goldman Sachs. Sopra la soglia della parità anche ABB (+0,09% a 21.08 franchi) e, nel segmento del lusso, Richemont (+0,59% a 85.85 franchi), mentre la rivale Swatch è scivolata (-0,52% a 423.80 franchi).

Pesante passo indietro per Geberit (-5,84% a 341.70 franchi), che stamane ha presentato risultati trimestrali contrastatati, con un fatturato in rialzo su base annua del 15% a 637 milioni di franchi e un utile netto in calo nelle stesse proporzioni a 121 milioni. La performance non ha convinto gli investitori e sono così scattati gli ordini di vendita.

Hanno trascinato i listini verso il basso i pesi massimi difensivi: il colosso dell'alimentare Nestlé ha ceduto lo 0,40% (a 74.70 franchi), mentre nel comparto farmaceutico Novartis è indietreggiata dello 0,85% (a 99.55 franchi) e Roche dell'1,97% (a 273.30 franchi). Entrambi i titoli nel recente passato si sono comunque fortemente rafforzati.

Non hanno brillato i bancari, con UBS in arretramento dell'1,09% (a 19.05 franchi), Credit Suisse dell'1,33% (a 25.14 franchi) e Julius Bär dello 0,99% (a 50.20 franchi). Giù anche gli assicurativi Zurich Insurance (-1,16% a 290.20 franchi) e Swiss Re (-1,24% a 83.60 franchi). Syngenta, che ha ricevuto il via libera alla commercializzazione di un suo erbicida negli USA, ha perso l'1,18% (a 326.90 franchi).

Sul mercato allargato hanno informato sull'andamento trimestrale degli affari Schindler (-1,12% a 158.40 franchi) e OC Oerlikon (+2,89% a 12.45 franchi). Lonza, che ha indicato di aver avviato l'esercizio 2015 in modo positivo, è risalita dello 0,92%% (a 131.10 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS