Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Non sono bastati i buoni risultati di Citygroup e il rialzo del superindice economico statunitense a marzo - il maggior incremento da dieci mesi - per invertire la tendenza negativa della Borsa svizzera. In chiusura, pur recuperando parte delle perdite del mattino, l'indice dei titoli guida SMI ha lasciato sul terreno l'1,31% a 6803,68 punti, in una giornata condizionata dalle ripercussioni della vicenda Goldman Sachs, accusata di frode, e dell'eruzione vulcanica in Islanda che sta danneggiando le aziende legate ai trasporti. Quanto all'indice allargato SPI, quest'ultimo è risultato in calo dello 0,68% a 6023,48 punti.
Vendite si sono verificate sui titoli bancari, con UBS che ha perso il 2,01% a 17,57 franchi. Il Credit Suisse ha limitato i danni calando dello 0,54% a 55,05 franchi, mentre Julius Baer è risultata in flessione dello 0,70% a 36,87 franchi.
Circa UBS, stando al Wall Street Journal, la Sec - organo di sorveglianza Usa della borsa - sta indagando se altri prodotti legati ai mutui concepiti da altre banche di Wall Street possano aver tratto in inganno gli investitori. Il giornale non precisa quali altre banche siano finite nel mirino degli investigatori. In particolare sono sotto accusa derivati che consentivano a clienti come gli hedge fund di scommettere su una rapida crisi del mercato immobiliare. Tra le banche che hanno elaborato questo tipo di prodotti c'erano Deutsche Bank, Ubs e Merrill Lynch, ora proprietà di Bank of America.
In flessione anche gli assicurativi, con Swiss Life che ha terminato in flessione del 2,19% a 138,3 franchi, Swiss Re dell'1,54% a 51,2 franchi e ZFS del 2,09% a 253,1 franchi.
I listini sono stati inoltre appesantiti dall'andamento negativo dei difensivi come Nestlé, in calo del 3,39% (-1,80 franchi, ma il titolo è negoziato senza il dividendo di 1,60 franchi) a 51,25 franchi, Novartis dello 0,27% a 56,4 franchi. Roche - unico titolo dell'SMI in crescita - ha guadagnato invece lo 0,29% a 175,6 franchi.

SDA-ATS