Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha azzerato i guadagni della mattinata e ha chiuso negativa con l'indice SMI dei titoli guida in arretramento dello 0,12% a 8'705,66 punti, mentre l'indice complessivo SPI è sceso dello 0,10% a quota 8'890,89.

I mercati in mattinata avevano accolto bene l'andamento del Pil della Cina, che nel terzo trimestre è salito del 6,9% anno su anno, superando le attese, ma poi il vento ha cambiato direzione dopo i deludenti dati trimestrali di Morgan Stanley, che sono andati ad incidere sui bancari.

Julius Bär ha ceduto l'1,31% (a 46.60 franchi) e Ubs lo 0,72% (a 19.36 franchi). Si è invece mantenuta a galla Credit Suisse (+0,45% a 24.62 franchi), dopo nuove voci circa un imminente sostanziale aumento di capitale accompagnato dal varo di un piano di ristrutturazione. Gli ordini di acquisto hanno preceduto la presentazione dei risultati trimestrali, in programma per mercoledì.

Contrastante l'andamento dei pesi massimi difensivi: i farmaceutici Roche (+0,39% a 260.50 franchi) e Novartis (+0,11% a 90.40 franchi) hanno fatto un modesto passo avanti, mentre è indietreggiato il colosso dell'alimentare Nestlé (-0,34% a 73.50 franchi). La società biotecnologica Actelion, che domani presenta i trimestrali, è salita dello 0,64% (a 125.20 franchi).

Senza un chiaro orientamento il segmento del lusso (Swatch -1,34% a 375.30 franchi; Richemont +0,62% a 80.85 franchi): domani verrà presentato il dato relativo alle esportazioni orologiere in settembre e la Banca cantonale di Zurigo pronostica un calo del 3,2%. Perlopiù negativi i titoli più sensibili ai cicli congiunturali: ABB in particolare ha ceduto l'1,50% (a 17.10 franchi).

Sul mercato allargato Ems-Chemie ha guadagnato il 2,61% (a 383.75 franchi). Il gruppo chimico grigionese ha annunciato un calo del 3,1% del fatturato sui primi nove mesi dell'anno. La contrazione è dovuta alla forza del franco, mentre in valuta locale il dato evidenzia una progressione del 4,3%. Per l'insieme dell'anno Ems-Chemie ha confermato i propri obiettivi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS