Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso la seduta odierna piatta, con l'indice SMI dei principali titoli fermo sulle quotazioni di ieri, a 8'964,11 punti , mentre l'indice complessivo SPI è salito impercettibilmente dello 0,02% a quota 10'594,67.

I listini sono stati influenzati dal taglio delle stime sul pil mondiale e dell'eurozona da parte del Fondo monetario internazionale e dalle nuove tensioni commerciali tra Cina e Usa.

Sulla piazza zurighese al centro dell'attenzione vi è stata Givaudan, che oggi ha annunciato ricavi in rialzo nei primi nove mesi dell'anno, con una progressione del 5,7% a 4,1 miliardi di franchi. Il dato è superiore alle attese degli analisti, ma il titolo in borsa ha perso l'1,38% (a 2'362.00 franchi). I commentatori, al riguardo, hanno parlato di realizzi di guadagno.

Contrastati i valori giudicati difensivi: il colosso dell'alimentare Nestlé ha guadagnato lo 0,12% (a 80.94 franchi), mentre Novartis (+0,02% a 84.14 franchi) è rimasta praticamente ferma al palo. In discesa è risultata invece Roche (-0,20% a 243.75 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS