Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata di consolidamento per la Borsa svizzera nell'attesa di importanti dati macro americani, tra cui quelli sull'occupazione. L'indice delle blue chip SMI ha terminato poco sopra la parità (+0,12% a 9480,20 punti).

Sul mercato allargato, l'indice completo SPI ha chiuso a 9615,44 punti (+0,15%).

Hanno sostenuto parzialmente il mercato i corsi dei titoli difensivi: Roche è avanzata dello 0,14% a 73,75 franchi, Novartis ha ceduto lo 0,10% a 101 franchi, mentre Nestlé ha guadagnato lo 0,27% a 73,75 franchi.

In flessione i bancari, dopo i guadagni messi a segno ieri. UBS è arretrata dello 0,76% a 22,22 franchi, Credit Suisse dello 0,38% a 28,59 franchi e Julius Baer dello 0,37% a 53,30 franchi.

Andamento positivo per gli assicurativi. Zurich è salita dello 0,61% a 297,90 franchi e Swiss Re dello 0,51% a 87,90 franchi. Bene i ciclici, con LafargeHolcim in progressione dello 0,74% a 67,80 franchi, Adecco dell'1,97% a 82,85 franchi e ABB dello 0,36% a 19,66 franchi.

In merito a LafargeHolcim, il colosso dei materiali da costruzione nato dall'azienda francese e il gruppo sangallese Holcim, ha annunciato oggi di voler lanciare una procedura per riacquistare le ultime azioni Lafarge ancora in circolazione.

Ancora in flessione Transocean (-4,49% a 12,13 franchi), condizionata dal calo del prezzo del petrolio.

Buona giornata per i titoli del lusso che recuperano le perdite di ieri. Swatch ha messo a segno un +2,13% a 422 franchi e Richemont una crescita dell'1,33% a 83,75 franchi.

Sul mercato allargato, Oerlikon ha perso lo 0,41% a 12,10 franchi. Nel primo semestre, il gruppo industriale svittese ha visto il suo utile netto calare del 16,3% a 108 milioni di franchi, mentre il fatturato è aumentato del 4,8%, a 1,56 miliardi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS