Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta complessivamente positiva per la Borsa svizzera, anche se non sono mancati "tuffi" sotto la linea di demarcazione. I volumi degli scambi sono comunque stati modesti. L'SMI ha chiuso con un rialzo dello 0,32% a 9'428.17 punti, l'SPI dello 0,35% a 9'559.21 punti.

Nel pomeriggio i listini hanno reagito male al dato sull'evoluzione dei salari negli Usa nel secondo trimestre, saliti solo dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti. Si tratta dell'aumento minore dal 1982. Secondo operatori ciò segnala che lo stato dell'economia americana forse non è così buono come sperato.

Gli investitori sono inoltre preoccupati per il crollo dei mercati finanziari cinesi: anche se oggi non sono calati tanto fortemente, nell'ultima settimana sono state registrate le maggiori perdite di corso da quasi sei anni.

Tra le blue chip in forte progressione il lusso con Swatch cresciuta dell'1,49% a 416.10 franchi e Richemont dell'1,28% a 83.40 franchi. Bene anche i ciclici con Geberit che è avanzata dell'1,83% a 334.50 franchi, Adecco dell'1,13% a 80.65 franchi e ABB dello 0,67% a 19.63 franchi, mentre LafargeHolcim (+0,07% a 67.30 franchi) ha continuato a scontare i risultati semestrali presentati mercoledì. Lo stesso vale per Swiss Re (-0,29% a 87 franchi), che li aveva pubblicati ieri. In lieve calo anche Zurich (-0,03% a 294.30 franchi).

Contrastati i bancari, con UBS che ha guadagnato lo 0,14% a 22.25 franchi mentre Credit Suisse ha ceduto lo 0,21% a 28.48 franchi e Julius Bär lo 0,19% a 53.45 franchi. Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé ha chiuso in rialzo dello 0,41% a 73.20 franchi, Novartis dello 0,40% a 100.40 franchi e Roche - il cui preparato contro il cancro al seno Perjeta è stato autorizzato nell'Unione europea anche per il trattamento preoperativo di tumori aggressivi alla mammella in stadio precoce - dello 0,14% a 279.10 franchi.

Nel mercato allargato Zehnder è progredita del 3,55% a 36.45 franchi nonostante un crollo degli utili. Da parte sua BKW è salita dello 0,72% a 35 franchi dopo aver annunciato una piccola acquisizione e di voler esercitare il suo diritto di prelazione su azioni Swissgrid di Alpiq.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS