Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso in territorio positivo, con l'indice SMI dei titoli guida in progresso dello 0,93% a quota 8'653.35, mentre l'indice complessivo SPI è avanzato dello 0,83% a 8'838.66 punti.

In giornata vi è stata una raffica di dati economici americani, tra cui quelli relativi all'inflazione e ai sussidi di disoccupazione, che rafforzano le attese di un rinvio della stretta monetaria da parte della Fed.

I listini sono stati sostenuti dai pesi massimi difensivi: fra i farmaceutici Novartis è salita dell'1,20% (a 88.50 franchi) e Roche dello 0,71% (a 253.80 franchi). Bene anche la società biotecnologica Actelion (+3,11% a 119.50 franchi), così come il colosso dell'alimentare Nestlé (+1,08% a 75.15 franchi), che domani presenterà i risultati trimestrali.

Di segno più pure i bancari, seppur con qualche incertezza dopo i deludenti risultati di Goldman Sachs e quelli invece rallegranti di Citigroup: Credit Suisse ha allungato il passo dello 0,97% (a 23.88 franchi), UBS dell'1,12% (a 18.92 franchi) e Julius Bär dell'1,61% (a 46.15 franchi).

Ha invece fatto acqua, nel segmento del lusso, Richemont (-0,73% a 81.80 franchi), mentre Swatch è rimasta incollata sulle quotazioni di ieri (a 393.70 franchi).

Syngenta, partita in picchiata dopo aver annunciato un calo dell'11% del giro d'affari su nove mesi, ha recuperato terreno con il passare delle ore e ha chiuso in progressione dell'1,68% (a 303.20 franchi). La diminuzione del fatturato del gruppo agrochimico è da mettere in relazione al difficile contesto del mercato sudamericano e al deprezzamento di diverse valute nei confronti del dollaro.

Poco brillante ABB (-0,06% a 17.65 franchi), così come la volatile Transocean (-0,33% a 14.92 franchi), che continua a risentire delle variazioni del prezzo del petrolio.

Sul mercato allargato il gruppo industriale zurighese Sulzer, che ha registrato un calo dell'1,4% delle nuove commesse nei primi nove mesi dell'anno, ha perso l'1,68% (a 99.50 franchi). In flessione (-3,86%% a 61.00 franchi) anche DKSH, che ha abbassato le sue stime per l'esercizio 2015. Zehnder, che ha annunciato un piano di riacquisto di azioni proprie, è invece progredita dell'1,21% (a 33.50 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS