Navigation

Borsa svizzera chiude positiva, SMI +1,21%

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2014 - 17:57
(Keystone-ATS)

Giornata positiva per la borsa svizzera, che ha terminato gli scambi con l'indice SMI dei titoli guida a 8'506,14 punti, in progresso dell'1,21%, mentre l'indice complessivo SPI è salito dell'1,19% a quota 8'377,85.

I mercati sono stati sostenuti dai dati relativi all'inflazione negli USA, risultata moderata, ciò che ha rafforzato l'idea secondo cui la Banca centrale americana non ha nessun motivo di aumentare i tassi nel breve periodo.

Al centro dell'attenzione vi è stata ABB che stamane, presentando i risultati del terzo trimestre ha annunciato un calo del fatturato del 7% su base annua a 9,82 milioni di dollari e una contrazione dell'utile del 12% a 734 milioni di dollari. Visto il contesto economico il CEO Ulrich Spiesshofer si è detto soddisfatto della performance.

Gli investitori hanno guardato ai nuovi ordini, che hanno fatto un balzo del 24% a 11,23 miliardi di dollari, e il titolo in borsa è salito del 2,48% (a 20.25 franchi).

Tra i pesi massimi difensivi Nestlé e Novartis, dopo una partenza in rosso, hanno virato sopra la soglia della parità, chiudendo con aumenti rispettivamente dell'1,04% (67.95 franchi) e dell'1,32% (a 84.65 franchi). Anche Roche ha allungato il passo (+1,31% a 278.30 franchi). Actelion, che ieri ha annunciato utili in forte crescita sui nove mesi, ha proseguito la parabola ascendente, con una ulteriore progressione del 3,03% (a 108.70 franchi).

Mentre si è in attesa dei risultati degli stress test condotti dalla Bce sulle banche europee, Ubs è salita dell'1,23% (a 15.62 franchi), Credit Suisse dell'1,01% (a 25.05 franchi) e Julius Bär dello 0,99% (a 39.64 franchi). Stessa tendenza per gli assicurativi: Zurich Insurance ha messo a segno un rialzo dell'1,09% (a 278.50 franchi) e Swiss Re del 2,21% (a 73.90 franchi).

Sul mercato allargato hanno annunciato i risultati trimestrali Inficon (+7,52%) e Temenos, che dopo un'iniziale picchiata ha contenuto le perdite al 4,50%. Nel recente passato l'azione Temenos si è comunque resa protagonista di un'ottima performance: rispetto a inizio anno l'aumento di corso supera tuttora il 20%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?