Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo giorni di vendite, le Borse hanno ripreso fiato oggi, Zurigo compresa, trascinate dai dati congiunturali positivi americani e dalla speranza che la crisi greca si risolva per il meglio. L'indice SMI delle blue chip ha chiuso a 8908,99 punti (+1,46%).

Sul mercato allargato, l'SPI ha segnato una progressione dell'1,40% a 9043,87 punti.

In netta crescita i bancari, con UBS che ha guadagnato il 2,98% a 20.42 franchi e il Credit Suisse il 2,96% a 26,46 franchi. Oggi è stato il primo giorno di lavoro del nuovo CEO franco-ivoriano Tidjane Thiam, sul quale si appuntano le speranze di molti investitori per una decisa svolta verso la gestione patrimoniale. Julius Bär è salita dell'1,62% a 53,30 franchi.

Tra gli assicurativi, Zurich è cresciuta dell'1,55% a 289 franchi e Swiss Re dello 0,60% a 83,25 franchi. Hanno sostenuto i listini anche i titoli rifugio come Roche (+1,64% a 266,30 franchi), Novartis (+1,09 a 93,15 franchi) e Nestlé (+1,56% a 68,55 franchi).

Hanno guadagnato oltre l'1% anche i ciclici, come ABB (+1,28% a 19,83 franchi), Adecco (+1,32% a 76,90 franchi), Holcim (+2,39% a 70.65 franchi). In progressione pure il lusso: Swatch è salita dello 0,93% a 367,50 franchi e Richemont dello 0,85% a 76,70 franchi.

Unico titolo in negativo è stato Transocean (-3,11% a 14,65 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS