Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata fiacca oggi alla Borsa svizzera, con gli investitori timorosi per un possibile aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti.

In chiusura, l'indice SMI dei titoli guida ha terminato a 8184,09 punti, in crescita dello 0,19%. L'indice completo SPI ha chiuso invece in progressione dello 0,15% a 8901,60 punti.

A deprimere gli scambi ci ha pensato anche la chiusura di Londra e l'assenza di dati provenienti dalle aziende. I mercati attendono per venerdì i dati sull'occupazione provenienti da oltre Atlantico.

Frattanto è di oggi la notizia che i redditi personali negli Stati Uniti sono aumentati dello 0,4% a luglio, in linea con le attese dopo la crescita dello 0,3% registrata il mese precedente rivista da un iniziale +0,2%. Le spese per consumi sono cresciute dello 0,3%, in linea alle previsioni, a fronte del +0,5% segnato a giugno, dato rivisto dall'iniziale +0,4%.

A sostenere i listini, dopo una mattinata sotto tono, ci hanno pensato i titoli difensivi. Nestlé è cresciuta dello 0,19% a 78 franchi, Novartis dello 0,58% a 77,85 franchi e Roche dello 0,46% a 242 franchi. È di oggi la notizia che l'Agenzia americana per i medicinali ha dato il via libera per l'uso in situazioni di emergenza del test del virus Zika LightMix rRT-PCR messo a punto dalla società basilese.

Tra i bancari, UBS ha chiuso invariata a 13,77 franchi, mentre Credit Suisse ha messo a segno un +0,25% a 12,20 franchi e Julius Baer un +0,80% a 40,49 franchi. Male gli assicurativi, con Zurich in arretramento dello 0,12% a 245,20 franchi, Swiss Re dello 0,43% a 80,90 franchi e Swiss Life dello 0,12% a 240,70 franchi.

Tra i titoli in crescita si segnala Syngenta, che ha guadagnato lo 0,81% a 424,50 franchi. La società gode ancora del "sì delle autorità americane alla fusione con ChemChina.

Sul mercato allargato, Ems-Chemie ha terminato in progressione dell'1,44% a 528,50 franchi. Il gruppo chimico industriale grigionese Ems-Chemie ha registrato nel primo semestre un utile netto di 215 milioni di franchi, in crescita del 16,1% rispetto allo stesso periodo del 2015.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS