Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera chiude sotto la parità, SMI -0,32%

Seduta fiacca oggi per la Borsa svizzera, con gli investitori insicuri sulla futura politica monetaria della Fed americana. In assenza di chiari segnali, è proseguita la fase di consolidamento incominciata ieri dopo varie sedute al rialzo. In chiusura, l'indice SMI dei titoli guida ha ceduto lo 0,32% a 8234,72 punti. L'indice allargato SPI si è fermato a 7834,37 punti, in flessione dello 0,39%.

La fase di consolidamento ha interessato soprattutto i titoli bancari e ciclici, con gli investitori che hanno deciso di sbarazzarsi di questi valori per approfittare dei guadagni delle ultime sedute. UBS è arretrata dello 0,53% a 16,80 franchi, Credit Suisse dell'1,43% a 26,24 franchi e Julius Bär dell'1,11% a 41,75 franchi.

Tra gli assicurativi, Swiss Re ha ceduto l'1,86% a 81,60 franchi, mentre Zurich Insurance ha guadagnato lo 0,36% a 252,20 franchi. Sul mercato allargato, Swiss Life ha perso l'1,16% a 186,80 franchi, dopo il forte balzo di ieri in concomitanza con i dati - positivi- semestrali. Oggi la società ha reso noto di voler lanciare un prestito convertibile da non più di 500 milioni di franchi con scadenza per il 2020.

Tra i ciclici, ABB ha registrato una contrazione dello 0,70% a 22,78 franchi. Oggi il gruppo tecnologico ha annunciato l'apertura di due nuove fabbriche in India. Holcim è scesa dell'1,26% a 66,55 franchi.

Hanno sostenuto i listini, limitando così le perdite, i pesi massimi Novartis, salita dello 0,07% a 71,75 franchi e Nestlé (+0,23% a 66,35 franchi). In calo invece Roche: -0,16% a 252 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.