Navigation

Borsa svizzera debole, in atto consolidamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2012 - 12:06
(Keystone-ATS)

Mattinata senza grossi stimoli per la borsa svizzera. Partiti in leggero rialzo, dopo le 10.00 i listini hanno virato in negativo. Poco dopo le 11.30, l'indice dei titoli guida SMI perdeva lo 0,19% a 6311,62 punti. Sul mercato allargato, l'SPI era in flessione dello 0,22% a 5848,15 punti.

Stando agli analisti, dopo varie giornate in crescita, la borsa sta vivendo una fase di consolidamento. Novartis e Actelion, ieri in crescita dopo aver presentato i risultati parziali, perdono oggi rispettivamente lo 0,09% e l'1,38%.

Deboli i bancari, con UBS in discesa dell'1,95%, Credit Suisse dello 0,46% e Julius Baer dello 0,57%. In flessione anche gli assicurativi, con Zurich Insurance in calo dello 0,27% e Swiss Re dello 0,57%.

Pesano sui listini anche le vendite su Nestlé (-0,76%), mentre Roche è poco mossa (+0,06%). Tra i titoli ciclici, ABB segna un +2,15% e Holcim un +0,72%. Nel pomeriggio sono attesi i risultati di General Electric che potrebbero influenzare l'andamento dei listini della borsa svizzera, specie quelli tecnologici.

SGS è poco sotto la linea (-0,05%). Il leader mondiale nel campo della certificazione e ispezione ha rilevato l'azienda francese Servocam Tests Laboratory Group, società che testa e convalida prodotti industriali destinati al mercato dell'automobile, dell'aeronautica e delle ferrovie. L'ammontare della transazione non è stato svelato.

Sul mercato allargato, Sulzer avanza dell'1,82%. Il gruppo industriale zurighese ha registrato nei primi sei mesi dell'anno un utile netto di 131,5 milioni di franchi, in rialzo del 5,4% rispetto a un anno prima. Dal canto suo, il giro d'affari è salito del 20,1% alla cifra record di 1,92 miliardi. Questi risultati si avvicinano alle attese degli analisti.

In crescita anche Mikron. Il gruppo con sede a Bienne (BE), e un importante sito di produzione ad Agno, ha realizzato un giro d'affari di 107,8 milioni di franchi, in crescita del 3,5% rispetto a un anno prima, ma ha visto nel contempo diminuire il suo utile netto del 76,9% a 0,6 milioni.

L'utile operativo ha a sua volta subito un calo dell'87,2% al "livello insoddisfacente" di 0,5 milioni di franchi, ha indicato oggi Mikron in una nota. Le nuove commesse sono invece progredite del 6,1% attestandosi 135,2 milioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?