Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pur riducendo i guadagni rispetto ai primi scambi della mattinata la Borsa svizzera si mantiene al di sopra della soglia della parità con l'indice SMI dei titoli guida che verso le 11.30 segna 8'320.62 punti, in rialzo dello 0,48%, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,55% a quota 8'146.67.

Al centro dell'attenzione degli investitori vi è Credit Suisse, che stamane ha annunciato di aver realizzato nel primo trimestre dell'anno un utile netto di 859 milioni di franchi, in calo del 34% rispetto allo stesso periodo del 2013. La performance è inferiore alle attese degli analisti e il titolo, dopo un tonfo iniziale superiore al 2%, sta ora parzialmente recuperando terreno (-1,40%)

Positiva invece Syngenta (+1,25%), che questa mattina ha indicato di aver generato un giro d'affari trimestrale in crescita del 2% a 4,68 miliardi di dollari.

In forte progressione Actelion (+3,51%), mentre Novartis avanza dell'1,36% e Roche dello 0,32%. UBS sale dello 0,81% e Julius Bär dello 0,92%. In controtendenza rispetto all'andamento generale Nestlé, che cede lo 0,45%.

I mercati sono influenzati dalla diffusione del Pil del primo trimestre della Cina, salito del 7,4%, di poco oltre le stime governative.

SDA-ATS