Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta in chiaro rialzo per la Borsa svizzera, trascinata dal titolo Nestlé. In giornata il listino principale SMI ha superato i 6500 punti, un livello non più toccato da oltre un anno. L'indice dei valori guida ha chiuso a quota 6505,29, in aumento dello 0,73%. L'indice allargato SPI ha terminato a 6016,03 punti (+0,70%).

Nel primo semestre l'utile netto di Nestlé ha segnato una progressione dell'8,9% passando a 5,1 miliardi di franchi. Il risultato operativo è salito del 6,3% a 6,6 miliardi, mentre le vendite sono aumentate del 7,5% a 44,1 miliardi. La crescita organica è stata del 6,6%. L'azione ha messo a segno un balzo del 2,35% (a 61,05 franchi).

Le cifre pubblicate stamane superano le attese degli analisti e gli investitori hanno reagito positivamente. Gli esperti interrogati dalla Reuters avevano pronosticato una crescita organica del 6,25%, un fatturato di 43,8 miliardi e un utile netto di 4,915 miliardi. Fra i farmaceutici, Novartis non ha registrato variazioni (57,45 franchi), Roche ha guadagnato invece lo 0,46% (a 174,10 franchi).

Swiss Re, che ha reso noto oggi un utile netto trimestrale di 83 milioni dollari, in pesante flessione rispetto a un anno prima a causa di un ammortamento di un miliardo in relazione alla vendita di Admin Re, ha chiuso in ribasso del 2,26% (a 60,50 franchi). Il risultato, migliore delle attese degli esperti che avevano previsto perfino un rosso, è stato criticato per avere beneficiato dello scioglimento di riserve. Zurich Insurance dal canto suo è salita dello 0,44% (a 226,00 franchi). Fra i bancari, UBS ha terminato con un calo dello 0,19% (a 10,58 franchi), Credit Suisse è avanzata dello 0,12% (a 17,07 franchi), mentre Julius Bär è risultata in flessione dello 0,45% (a 35,57 franchi).

Adecco, che ha pure pubblicato oggi il bilancio intermedio, ha ceduto l'1,27% (a 44,25 franchi). L'utile netto si è ridotto del 20% a 113 milioni di euro nel secondo trimestre rispetto al pari periodo del 2011. Il titolo è stato penalizzato dalle prospettive negative della zona euro, è stato indicato.

Fra gli altri titoli guida buono l'andamento di Richemont (+1,75% a 61,05 franchi), Swatch Group (+1,13% a 404,30 franchi), Givaudan (+1,14% a 934,50 franchi) e di Transocean (+1,29% a 47,76 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS