Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio positivo la Borsa svizzera, al pari delle principali piazze europee, è scivolata sotto la linea di demarcazione. Alle 11.15 l'SMI perde lo 0,53% a 8'582.92 punti, l'SPI lo 0,47% a 9'660.08 punti.

Sui listini pesano le incertezze sull'esito del referendum costituzionale in Turchia e le crisi geopolitiche, dalla Corea del Nord alla Siria.

Tra le blue chip sotto pressione i bancari UBS (-1,68%), Credit Suisse (-1,81%) e Julius Bär (-2,94%, ma il titolo viene scambiato senza la cedola del dividendo). Credit Suisse aveva annunciato venerdì che la direzione dell'istituto rinuncia a parte dei propri bonus.

Pesanti anche i ciclici ABB (-1,61%), LafargeHolcim (-1,34%), Adecco (-1,24%), mentre Geberit limita le perdite allo 0,35%. Tra i pesi massimi difensivi Nestlé scende dello 0,13%, Novartis dello 0,61% e Roche dello 0,16%. In controtendenza sono solo Swisscom (+0,53%) e Swiss Life (+0,06%). Invariata Swiss Re, la quale ha comunicato l'intenzione di creare una filiale con sede a Singapore per le attività di riassicurazione in Asia.

GAM, che ha annunciato oggi un aumento del 5% degli averi amministrati nel primo trimestre e ha confermato i propri obbiettivi a medio termine, cede il 2,04%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS