Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera rimane fiacca con l'indice SMI dei principali titoli che in fine di mattinata segna una flessione dello 0,45% a 7'984,61 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,35% a quota 8'576,61.

Gli analisti dicono che al momento mancano impulsi di rilievo e gli investitori prima del week end potrebbero essere indotti a procedere a realizzi di guadagno.

Stamane le borse asiatiche sono state influenzate dal dato sulla crescita dell'economia cinese, rallentata nel primo trimestre al 6,7% su base annua: si tratta del tasso più basso degli ultimi sette anni, ma in linea con il target fissato dal governo. Nel pomeriggio sono attesi i dati sulla produzione industriale e sui consumi negli USA, che potrebbero movimentare i mercati.

Ieri l'indice principale SMI ha superato quota 8'000 spinto in particolare da Nestlé dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali: oggi il colosso dell'alimentare è in parabola discendente (-0,41%), cosi come gli altri titoli difensivi Novartis (-0,14%) e Roche (-0,40%).

Deboli pure i bancari con Julius Bär che scivola all'indietro del 3,73%, mentre Credit Suisse e Ubs arretrano rispettivamente dell'1,24% e dello 0,97%. In controtendenza rispetto all'andamento negativo del mercato si profilano unicamente Givaudan (+0,52%) e Syngenta (+0,10%).

Sul mercato allargato VAT Group, che ha fatto il suo esordio in borsa ieri, sta allungando il passo dell'1,75%. Gurit, specialista sangallese delle materie sintetiche che ieri era ha annunciato un fatturato trimestrale inferiore alle previsioni, sta retrocedendo dell'1,48%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS