Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partenza piatta per la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che dopo i primi scambi segna un leggerissima progressione dello 0,02% a quota 9.196,56, mentre l'indice complessivo SPI non segna variazioni e rimane fermo a 9.325,38 punti.

Più robusto l'avvio di seduta delle principali borse europee: Milano guadagna lo 0,67% (Ftse Mib a 22.963 punti), Parigi lo 0,63% (CAC 40 a 4.958,46 punti), Francoforte lo 0,66% (DAX a 11.129,91 punti) e Londra lo 0,53% (FTSE-100 a 6.539,76 punti).

Ieri sera Wall Street ha terminato le contrattazioni in territorio negativo. Il Dow Jones ha perso lo 0,73% a 17.440,59 punti, mentre il Nasdaq ha ceduto lo 0,96% a 5039,78 punti.

La Borsa di Tokyo, all'indomani dei crolli dei listini di Shanghai (-8,48%) e Shenzhen (-7%) e dei rinnovati timori sulla tenuta dell'economia cinese, ha chiuso stamane gli scambi limitando le perdite a -0,10%, scivolando di nuovo in territorio negativo proprio nelle contrattazioni finali.

L'indice Nikkei, sostenuto dall'indebolimento dello yen nei confronti del dollaro, portatosi a quota 123,55, ha ceduto 21,21 punti e si è attestato a 20.328,89.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS