Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha passato la mattinata attorno alla linea di demarcazione. Alle 11.40 l'indice dei valori guida SMI segnava 8707,09 punti (-0,04% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,06% a 8584,80 punti.

Il clima generale sul mercato era positivo, segnato dalla speranza in misure di sostegno della Banca centrale europea (Bce) e di quella cinese. Le indicazioni preliminari negli Stati Uniti erano positive.

In Svizzera nel primo trimestre il prodotto interno lordo (PIL) è aumentato del 2,0% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In rapporto agli ultimi tre mesi del 2013 la crescita è stata pari allo 0,5%, ha comunicato stamane la Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Nestlé (+0,14%) era in progressione. La multinazionale alimentare con sede a Vevey (VD) ha reso noto che acquista dalla società canadese Valeant i diritti esclusivi di commercializzazione, negli Stati Uniti e in Canada, di diversi prodotti di dermatologia estetica, per un importo di 1,4 miliardi di dollari (1,25 miliardi di franchi). In calo gli altri pesi massimi difensivi Novartis (-0,06%) e Roche (-0,30%).

I titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura erano contrastati con ABB in calo (-0,28%), Holcim immutato e Adecco (+0,95%) e Geberit (+0,20%) in aumento. In crescita anche i bancari UBS (+0,33%) e Credit Suisse (+0,22%). In diminuzione invece il comparto assicurativo con Swiss Re che senava un -0,44% e Zurich un -0,23%.

SDA-ATS