Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera si mantiene sopra la soglia della parità, con l'indice SMI dei principali titoli che in fine di mattinata segna un progresso dello 0,34% 7'787,65 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,37% a quota 8'322,88.

In generale le borsa europee stanno rimbalzando in scia alle rassicurazioni della Fed: ieri la presidente della Federal Rerserve Janet Yellen ha affermato che l'economia americana continua a rafforzarsi: non è quindi una bolla pronta ad esplodere. I tassi, ha aggiunto, saliranno, ma gradualmente. A rasserenare gli animi vi è anche il corso del petrolio, che è in ripresa.

Sul fronte interno sono in recupero i bancari, ieri in affanno: Ubs (+1,60%), Julius Bär (+1,11%) e Credit Suisse (+2,20%) sono tutti in fase ascendente. Ordini di acquisto anche sul segmento del lusso, con Swatch che avanza dell'1,50% e Richemont dell'1,69% (ieri aveva perso il 3,20%).

Senza una chiara direzione i titoli della farmaceutica: Novartis (+0,35%) sale, ma scendono Roche (-0,21%) e la società biotecnologica Actelion (-0,95%). Poco mosso il colosso dell'alimentare Nestlé (+0,07%).

Sul mercato allargato appare in difficoltà Ems Chemie (-0,92%): stamane il gruppo guidato dalla consigliera nazionale UDC Magdalena Martullo-Blocher, ha annunciato i dati relativi al primo trimestre, con un fatturato netto in aumento del 5% su base annua. Gli analisti avevano pronosticato un incremento maggiore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS