Navigation

Borsa svizzera prosegue in positivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2019 - 11:17
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera si mantiene ampiamente sopra la soglia della parità, con l'indice SMI dei principali titoli che attorno alle 11.15 segna un aumento dello 0,85% a 10'320,69 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,81% a quota 12'470,20 punti.

Gli investitori hanno reagito positivamente alle dichiarazioni da Washington del consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow, secondo cui avrebbero fatto progressi le trattative con Pechino per un accordo sui dazi. Inoltre, sempre dagli Usa c'è attesa per il dato sulle vendite al dettaglio che mostrerà se a ottobre c'è stata una ripresa dei consumi e quindi un'inversione rispetto alla frenata del mese precedente.

Sul fronte interno scarseggiano le novità di rilievo concernenti i titoli principali. Il valore più ispirato è Richemont (+1,60%), seguito da Givaudan (+1,27%), Sika (+1,24%) e Swatch (+1,14%). Più in difficoltà invece Lonza (-0,26%) e Alcon (-0,09%), unici titoli in negativo. Tra i bancari, Credit Suisse (+1,10%), fa meglio di UBS (+0,92%).

Sul mercato allargato Datacolor avanza del 2,33% in seguito alla pubblicazione dei risultati per l'esercizio 2018/19, chiuso a fine settembre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.