Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Prosegue in rialzo la mattinata alla Borsa svizzera: alle 11.15 l'SMI sale dello 0,50% a 9'440.07 punti, l'SPI pure dello 0,50% a 9'464.30 punti.

Tra le blue chip Givaudan cede lo 0,45% dopo la presentazione del fatturato realizzato nel primo trimestre, cresciuto dello 0,4% a 1,09 miliardi di franchi. Il titolo scende nonostante gli analisti si aspettassero solo 1,07 miliardi.

In forte calo Swisscom (-3,74%), scambiata però senza la cedola del dividendo. Negativi anche Holcim (-0,93%) - fortemente cresciuta ieri dopo l'annuncio dell'intesa su chi guiderà la società che nascerà dalla fusione tra l'azienda sangallese e la francese Lafarge - e ABB (-0,19%). Tra gli altri titoli più legati alla congiuntura Adecco avanza dello 0,61% e Geberit dello 0,14%.

Bene i pesi massimi difensivi, con Nestlé che sale dello 0,67%, Novartis dello 0,90% e Roche dello 0,36%, così come i bancari con UBS in rialzo dello 0,90%, Credit Suisse dello 0,70% e Julius Bär dello 0,77%.

Nel mercato allargato Leclanché cede il 5,27% dopo aver chiuso il 2014 con una perdita netta di 25,7 milioni di franchi, contro un buco di 13,6 milioni l'anno precedente. EMS-Chemie sale dello 0,24% nonostante abbia annunciato un calo del giro d'affari del 2,5% nel primo trimestre. In valute locali esso è però progredito del 3,3%. Starrag - il cui presidente del consiglio d'amministrazione Walter Fust lascerà la carica - è invariata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS