Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata positiva per la Borsa svizzera, ancora spinta - al pari delle altre piazze europee - dall'eventualità di nuove misure di stimolo in dicembre da parte della BCE. Alle 11.20 l'SMI guadagna lo 0,67% a 8'847.89 punti, l'SPI pure lo 0,67% a 9'045.61 punti.

Tra le blue chip in forte progressione i ciclici ABB (+2,27%), LafargeHolcim (+1,64%) e Geberit (+1,31%). Più debole invece Adecco (+0,70%). In netto rialzo anche i bancari, con UBS che avanza del 2,10%, Julius Bär dell'1,74% e Credit Suisse - sotto pressione nelle ultime due sedute in seguito alla nuova strategia - dell'1,48%. Salgono di oltre un punto percentuale pure SGS (+1,48%) e Swisscom (+1,39%).

Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé cresce dello 0,74% e Roche dello 0,23%, mentre Novartis cede lo 0,11%. In controtendenza pure Transocean (-0,19%) e Actelion (-0,08%).

Nel listino allargato Cicor perde il 4,27% dopo aver annunciato una ristrutturazione su due siti: l'ufficio di vendita di Quartino sarà trasferito a Bronschhofen (SG), mentre la sede di Moudon (VD) viene raggruppata con quella di Boudry (NE). Sono attesi alcuni licenziamenti. Schindler, che ha presentato le cifre dei primi nove mesi, è in rialzo dello 0,85%, Mikron, che ha invece abbassa nuovamente le previsioni per l'esercizio 2015, scende dello 0,78%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS