Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera rallenta, ma si mantiene in territorio positivo con l'indice l'indice SMI dei principali titoli che a due ore dalla chiusura sale dello 0,27% a quota 8'632.27, mentre l'indice complessivo SPI avanza dello 0,22% a 8'899.04 punti.

Le borse europee si presentano tutte positive a metà seduta con l'eccezione di Madrid (-2,44%), sulla quale pesano le incertezze legate al risultato delle elezioni, che non garantisce ai Popolari una maggioranza sufficiente per governare da soli.

Sui mercati continua peraltro a incidere il calo del prezzo del petrolio, sceso a tratti sotto i livelli dell'estate 2004, ma gli investitori - stando a un analista - si sarebbero abituati a tali oscillazioni. I volumi, in questa settimana borsistica raccorciata a causa delle festività natalizie, sono contenuti e caratterizzati da grande volatilità che secondo gli esperti della Banca cantonale zurighese dovrebbe continuare anche il prossimo anno.

Sulla piazza zurighese sono deboli i bancari, con UBS in discesa dello 0,83% e Credit Suisse dell'1,73%. Julius Bär sta scivolando all'indietro 2,01% dopo notizie della stampa domenicale secondo le quali sull'istituto peserebbe la minaccia di una multa negli Stati Uniti più alta di quanto preannunciato e ben superiore agli accantonamenti previsti a questo scopo.

Hanno suscitato discussioni anche rivelazioni giornalistiche circa un rilevamento di Syngenta da parte del gruppo China National Chemical Corp, che secondo l'agenzia Blomberg avrebbe aumentato la sua offerta a 470 franchi per azione. Il gruppo cinese vorrebbe dapprima assumere il controllo del 70% del capitale e il 30% restante solo in un secondo tempo. Il consiglio di amministrazione dell'azienda agrochimica basilese si pronuncerà entro la fine dell'anno e intanto il titolo sale del 2,94%.

Ordini di acquisto, seppur modesti, stanno interessando anche i valori ciclici come ABB (+0,29%), Adecco (+0,82%) e il gigante del cemento LafargeHolcim (+0,33%). Tra i pesi massimi difensivi Roche allunga il passo dello 0,86% e Nestlé dello 0,21%, mentre Novartis non registra variazioni. La volatile Transocean, molto dipendente dai prezzi del greggio, sta cedendo l'1,37%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS