Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I mercati finanziari hanno reagito in modo positivo al dato sul tasso di disoccupazione negli Stati Uniti a maggio, che è rimasto fermo al 6,3%, ai minimi dal 2008. Gli analisti si aspettavano una crescita dei senza lavoro al 6,4% rispetto ad aprile. L'indice dei titoli guida SMI è risalito sopra la linea di demarcazione e verso le 15.45 guadagnava lo 0,08% a 8'649.48 punti. L'indice allargato SPI era in rialzo dello 0,15% a 8'549.88 punti.

Tra le blue chip elvetiche in luce i bancari, con Ubs che sale dell'1,18%, Credit Suisse dell'1,07% e Julius Bär dello 0,39%. In forte aumento pure Adecco (+1,46%) e Geberit (+1,17%). Bene anche gli assicurativi, con Swiss Re che guadagna lo 0,25% e Zurich lo 0,53%.

Quanto ai pesi massimi difensivi, solo Novartis (+0,19%) sostiene il listino, mentre Roche cede lo 0,67% e Nestlé l'1,08%. Male il lusso con Richemont in calo dello 0,43% e Swatch Group dello 0,20%, dopo che ieri il direttore generale Nick Hayek ha giudicato improbabile una crescita a due cifre nel 2014.

SDA-ATS