Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel primo pomeriggio la Borsa svizzera ha recuperato buona parte del terreno perso stamane rispetto all'ultima seduta.

Poco dopo le 15.15 l'indice guida SMI segnava il passo e cedeva lo 0,01% a 9.040,97 punti e quello allargato SPI scendeva dello 0,04% a 10.280,83 punti.

Oggi mancano particolari impulsi e inoltre sono chiuse per festività le Borse di Londra e New York . Gli investitori attendono l'intervento del presidente della Bce Mario Draghi davanti al parlamento europeo. Guardano poi con incertezza ad una crescita dell'economica mondiale in grado di resistere a eventuali tassi d'interesse più alti degli Stati Uniti. Nella sua riunione di giugno la Fed americana potrebbe alzarli.

Sul listino principale si fanno sentire i ribassi di due pesi massimi difensivi. Nestlé cede lo 0,30%. Novartis scende dello 0,13%. Venerdì la Food and drug administration (Fda) ha autorizzato negli Stati Uniti il suo farmaco Zykadia per il trattamento di un certo tipo di cancro ai polmoni. Roche invece avanza dello 0,23%. Il gruppo farmaceutico basilese deve comunque fare i conti con difficoltà legate all'Ocrevus, medicinale contro la sclerosi multipla, dopo che un paziente che l'aveva utilizzato ha contratto un'infezione al cervello.

In ribasso anche i bancari CS (-1,31%), che segna la perdita più importate tra i 20 titoli principali, e Julius Bär (-0,20%), mentre UBS avanza dello 0,25%. Contrastati invece gli assicurativi con Swiss Life (+1,34%) e Swiss Re (+1,03%) in aumento, mentre Zurich scende dello 0,10%.

Per quanto riguarda i titoli più legati alla congiuntura se Adecco (-0,07%) scende, Geberit (+0,49%), Abb (+0,25%) e LafargeHolcim (+0,77%) avanzano. In calo i titoli del lusso Richemont (-0,12%) e Swatch (-0,11%).

Completano il quadro Givaudan (-0,05%), Lonza (+0,10%), SGS (-0,04%), Sika (-0,40%) e Swisscom (-0,24%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS