Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera rimane debole nel pomeriggio, ma riduce le perdite, con l'indice SMI dei titoli guida che poco prima delle 15.30 segna 8'395.57 punti, in flessione dello 0,16%%, mentre l'indice complessivo SPI cede lo 0,14% a quota 8'250.49.

Mentre sui mercati continuano a pesare i timori per le crescenti tensioni in Ucraina, lo SMI viene trascinato verso il basso da Roche (-0,16%), mentre Nestlé rimane incollata sulle posizioni di ieri e Novartis avanza leggermente dello 0,13%

Negativi i principali titoli bancari che lasciano sul terreno oltre l'1% (UBS -1,05%; Credit Suisse -1,01%). Julius Bär limita le perdite allo 0,88% . In controtendenza rispetto all'andamento generale Richemont (+0,34%) e soprattutto Transocean (+1,86%).

Prevalentemente poco toniche le aziende più esposte ai cicli congiunturali, con ABB che arretra dello 0,30%, Adecco dello 0,76% e Holcim dell'1,26%. Geberit fa eccezione e avanza dello 0,32%.

Sul mercato allargato è in forte progressione PubliGroup dopo che Swisscom ha sottoposto all'impresa vodese, a cui si interessa anche il gruppo editoriale Tamedia, un'offerta d'acquisto non vincolante di 230 milioni di franchi per rilevare il portale internet di elenchi telefonici local.ch. Il titolo in borsa sta guadagnando l'8,45%.

SDA-ATS