Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera recupera terreno ma rimane al di sotto della soglia della parità: l'indice SMI dei principali titoli segna in fine di mattinata una flessione dello 0,38% a 8'221,68 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,42% quota 8'479,61.

Sui mercati pesa sempre il crollo del prezzo del petrolio, sceso stamattina a New York sotto la soglia dei 30 dollari al barile.

Stamane i mercati asiatici hanno reagito con nervosismo per le apprensioni di una nuova fuga degli investitori dall'area, in scia a nuove svalutazioni. Shanghai in particolare ha fatto uno scivolone del 6,42%, a nuovi minimi da 13 mesi. Male anche Tokyo, con l'indice Nikkei che è arretrato del 2,75%.

Sulla piazza zurighese la maggior parte delle blue chip sono di segno negativo ad eccezione di Geberit (+0,46%), che approfitta di una raccomandazione favorevole di Credit Suisse, e di Swatch Group, che mette a segno una progressione dell'1,37%.

Oggi è stato reso noto che le esportazioni di orologi nel 2015 sono calate del 3,3%, una dato in linea con le attese degli analisti. Negativa invece la concorrente Richemont (-0,78%).

Tra i pesi massimi difensivi il colosso dell'alimentare Nestlé scivola all'indietro dello 0,48%: male anche i farmaceutici Novartis (-0,12%) e soprattutto Roche (-0,87%). Tra i bancari Credit Suisse cede lo 0,34%, Ubs l'1,27% e Julius Bär l'1,74%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS