Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo aver aperto le contrattazioni al ribasso gli indici della Borsa svizzera si sono portati sopra la parità: alle 11.20 l'SMI guadagna lo 0,12% a 8'879.37 punti, l'SPI lo 0,05% a 10'063.81 punti.

Gli investitori continuano comunque a restare prudenti in vista della decisione della Federal Reserve di stasera. Non è previsto alcun rialzo dei tassi, ma sono attesi segnali circa un eventuale aumento in giugno.

I titoli non hanno un orientamento preciso. Tra le bue chip in evidenza Geberit (+1,92%), in calo ieri dopo la presentazione dei trimestrali. negativi gli altri ciclici, da Adecco (-1,22%) a LafargeHolcim (-0,98%) - che ha reso noto oggi le cifre relative all'andamento degli affari nei primi tre mesi dell'anno -, ad ABB (-0,49%).

Swisscom, che pure ha pubblicato oggi i propri conti, sale dell'1,64%. Invariati i pesi massimi difensivi Nestlé e Novartis, mentre Roche avanza dello 0,77%. Lonza, che da oggi sostituisce Actelion nell'SMI, segna un calo del 2,47%.

Nell'indice allargato Schmolz + Bickenbach cede il 2,20% e Valiant lo 0,09% dopo i trimestrali. EFG International, la quale ha comunicato di aver portato a termine l'acquisizione di BSI Lussemburgo, attraverso una fusione, perde il 3,65%, mentre Schaffner avanza dell'1,06% dopo l'annuncio di aver trovato un nuovo Ceo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS