Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera sta ampliando la flessione: alle 11.51 l'indice dei valori guida SMI segnava 8975,32 punti, in calo dello 0,74% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,78% a 10'614,91 punti.

Sui mercati finanziari pesa l'esito del voto in Brasile. Sullo sfondo anche le incertezze legate allo scontro commerciale tra Cina e Usa, i timori di nuovi rialzi dei tassi da parte della banca centrale statunitense Fed e le vicende italiane legate alla manovra.

La produzione industriale tedesca ad agosto è scesa a sorpresa per il terzo mese di fila, segnando un -0,3% contro il +0,3% atteso dagli economisti.

UBS, fanalino di coda (-2,39%), si appresta a vivere un mese movimentato, con l'apertura oggi pomeriggio a Parigi di un processo nei confronti della banca per riciclaggio e frode fiscale, reati che potrebbero costarle molto caro. Pure in calo Julius Bär (-1,99%) e Credit Suisse (-1,73%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS